Benvenuti a SWISSINT

Il promovimento della pace a livello internazionale è uno dei tre compiti dell’Esercito svizzero. Circa 280 cittadini svizzeri svolgono ogni giorno un impiego volontario all’estero e contribuiscono alla pace in territori colpiti da guerre e conflitti che impediscono una convivenza pacifica tra le persone. Responsabile dell’attuazione di questo compito dell’esercito è il Centro di competenza SWISSINT a Stans-Oberdorf.

Compiti

Il «promovimento della pace» è uno dei tre compiti dell’Esercito svizzero sanciti dalla legge militare ed è concretizzato dal Centro di competenza SWISSINT (Swiss Armed Forces International Command). Il lavoro di SWISSINT si fonda sui criteri politici (Consiglio federale e Parlamento) nonché sulle direttive del capo dell’esercito e del capo del Comando Operazioni.

Il Centro di competenza SWISSINT è il comando nazionale di condotta degli impieghi responsabile dei contingenti militari e delle persone impiegate individualmente nell’ambito del compito dell’esercito «promovimento della pace». Le attività comprendono il reclutamento, la gestione del personale, la logistica, la pianificazione e gestione finanziaria nonché l’istruzione specifica all’impiego, la condotta nazionale durante gli impieghi, l’analisi di questi ultimi e le relazioni pubbliche.

  • Reclutamento e gestione del personale
  • Logistica
  • Pianificazione e gestione finanziaria
  • Istruzione specifica all’impiego
  • Condotta nazionale degli impieghi
  • Analisi
  • Relazioni pubbliche

Code of Conduct

Durante gli impieghi nel quadro del promovimento militare della pace i peacekeeper sono sovente confrontati con situazioni che possono rivelarsi impegnative e onerose. Devono quindi sempre agire in modo eticamente corretto e mostrare un comportamento responsabile. In quanto comando nazionale di condotta degli impieghi, il Centro di competenza SWISSINT si orienta a valori che si riflettono nel nostro code of conduct, ovvero nel nostro codice di comportamento. Il nostro agire quotidiano è focalizzato sul compito che eseguiamo con il promovimento militare della pace.

Per poterlo svolgere è però necessario porre al centro dell’attenzione i nostri collaboratori – indipendentemente che si tratti di personale d’impiego o di collaboratori del Centro di competenza SWISSINT – che sono il nostro bene più prezioso. Come cittadini svizzeri vogliamo vivere in prima persona ed esternare i nostri valori nazionali, sia in Svizzera sia all’estero – agendo sempre in modo eticamente corretto, esemplare e orientato alle soluzioni, curando una comunicazione trasparente e operando in modo affidabile. Così facendo contribuiamo anche a una percezione positiva della Svizzera nel promovimento militare della pace nonché a conferirle un’immagine di nazione affidabile.

Centro d’istruzione SWISSINT

Il centro d’istruzione del Centro di competenza SWISSINT è responsabile dell’istruzione specifica all’impiego dei militari che prestano un servizio volon­tario di promovimento della pace all’estero. Al fine di garantire una formazione mirata, il centro d’istruzione dispone di personale plurilingue e con esperienza d’impiego. Le sequenze d’istruzione specifiche all’impiego vengono verificate e valutate dopo ogni corso di formazione, in modo tale da trasmettere le migliori conoscenze teoriche e pratiche possibili in vista delle missioni di promovimento della pace all’estero.

Alcuni corsi offrono la possibilità di studiare la tematica del promovimento della pace e sono aperti anche a ospiti civili e stranieri. Inoltre una volta all’anno viene offerto un allenamento specifico nell’ambito della sicurezza per partner civili quali le organizzazioni internazionali, le organizzazioni gover­native e le organizzazioni non governative. Il centro d’istruzione SWISSINT è un «Partnership Training and Education Centre» accreditato.

Storia

Finora più di 14 000 cittadini svizzeri hanno già partecipato a impieghi di promovimento della pace dell’Esercito svizzero all’estero. La nascita del promovimento militare della pace svizzero risale al 1953: in quell’anno il Consiglio federale inviò circa 150 militari armati in Corea. Attualmente presso la Commissione di supervisione delle Nazioni neutrali (Neutral Nations Supervisory Commission – NNSC) a Panmunjom, sulla linea di demarcazione tra le due Coree, sono ancora impiegati cinque ufficiali svizzeri. Nel 1988 il Consiglio federale ha deciso di estendere la partecipazione alle missioni per il mantenimento della pace e un anno più tardi la Svizzera ha inviato il suo primo contingente in un impiego ONU. A tutt’oggi la presenza della SWISSCOY in Kosovo a partire dal 1999 rappresenta l’impiego di maggiore portata dell’Esercito svizzero nell’ambito del promovimento della pace.

1953
1989
1990
1991
1996
1997
1999
2000
2004
2004
2011
2011
2016
2020

1953

Inizio della promozione militare della pace della Svizzera. Dopo la firma dell'armistizio, il Consiglio federale inviò del personale dell'esercito svizzero in Corea.

1989

Primo impiego di promovimento della pace nel quadro di una missione dell’ONU. L’Esercito svizzero ha inviato una Medical Unit (SMU) presso l’UNTAG in Namibia, dove i militari dispensavano assistenza medica ai distaccamenti militari e civili.

1990

Inizio della partecipazione alle missioni degli osservatori militari dell’ONU. I primi ufficiali svizzeri si sono recati nel Vicino Oriente per impegnarsi a favore della pace nel quadro della UNTSO.

1991

Secondo impiego di una Swiss Medical Unit a favore della missione dell’ONU. Fino a 85 militari svizzeri hanno svolto un impiego di promovimento della pace nel Sahara occidentale nel quadro della MINURSO.

1996

Dopo la fine della guerra civile soldati svizzeri si sono impegnati nel quadro della Swiss Headquarters Support Unit in Bosnia e in Erzegovina. Nelle vesti dei cosiddetti berretti gialli hanno prestato supporto logistico a favore dell’OSCE.

1997

Il primo impegno svizzero a favore dello sminamento umanitario è avvenuto in Bosnia ed Erzegovina.

1999

Inizio dell’attualmente più grande impiego in termini di personale a favore del promovimento della pace dell’esercito svizzero: da allora fino a 195 donne e uomini armati sono impiegati in diversi settori a favore della Kosovo Force (KFOR).

2000

Per la prima volta vengono impiegati osservatori militari svizzeri a favore dell’ONU a sud del Sahara. L’allora missione MONUC è stata ribattezzata nell’attuale MONUSCO nella Repubblica democratica del Congo nel 2010.

2004

Con la partecipazione alla missione EUFOR ALTHEA militari svizzeri sono tornati in Bosnia ed Erzegovina per assumere la funzione di sistema di preallarme a favore della missione.

2004

Estensione dell’impegno nel promovimento militare della pace nel settore della creazione di capacità: da allora ufficiali svizzeri supportano tra le altre cose il centro d’istruzione «Kofi Annan International Peacekeeping Training Centre» nel Ghana.

2011

Esperti di armi e munizioni di piccolo calibro coadiuvano le forze armate della Bosnia-Erzegovina come Mobile Training Team (MTT) della EUFOR nello sviluppo di conoscenze e capacità nel campo delle armi e delle munizioni.

2011

Primi militari svizzeri vengono inviati presso il Quartiere Generale dell’ONU a New York a favore del United Nations Office for Project Services (UNOPS).

2016

Con la partecipazione al United Nations Triangular Partnership Project (UN TPP) l’Esercito svizzero intensifica il suo impegno nel settore dello sviluppo di capacità con l’obiettivo di migliorare le capacità tecniche nel genio per gli impieghi ONU in Africa.

2020

Presso la sede dell’ONU a Ginevra sono attivi per la prima volta militari svizzeri. Sono responsabili, in qualità di specialisti informatica, per l’implementazione di un sistema di gestione globale delle informazioni per il servizio di sminamento dell’ONU.

Impostazioni di dettaglio

Impostazioni di dettaglio

Necessario

Questi cookie sono sempre abilitati in quanto necessari per le funzionalità di base del sito web. Contribuiscono all'uso sicuro e corretto del sito.

Visualizza dettagli

Conservazione del consenso all'uso dei cookie.

Nascondere dettagli

Analisi / Statistiche

Raccogliamo dati anonimi a fini statistici e analitici. Ad esempio, potremmo usarlo per capire se sei venuto da noi tramite la ricerca di Google o un altro sito web.

Visualizza dettagli

Questo sito web utilizza le funzioni del servizio di analisi web Google Analytics. Il fornitore è Google Ireland Limited ("Google"), Gordon House, Barrow Street, Dublino 4, Irlanda.

Google Analytics utilizza i cosiddetti "cookie". Si tratta di file di testo che vengono memorizzati sul tuo computer e che consentono un'analisi del tuo utilizzo del sito web. Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo di questo sito Web vengono generalmente trasmesse a un server di Google negli Stati Uniti e ivi memorizzate.

La memorizzazione dei cookie di Google Analytics e l'utilizzo di questo strumento di analisi si basano sull'articolo 6, paragrafo 1, lettera f), del GDPR. Il gestore del sito web ha un legittimo interesse ad analizzare il comportamento degli utenti al fine di ottimizzare sia il proprio sito web che la sua pubblicità.

Nascondere dettagli
Verbergen